Naj Oleari, lo stilista che parla alle piante

di Gianfranco Quaglia Produrre di più, produrre meglio, produrre in modo ecosostenibile. Oppure lasciar crescere? Questo l’interrogativo che Angelo Naj Oleari si è posto alcuni anni fa e ha trovato una risposta facendone una ragione di vita: lasciar crescere. Lui, nome importante nel firmamento della moda italiana (catena di negozi) ha abbracciato il concetto dell’agricoltura […]

Il vescovo chef unisce con il riso montagna e pianura

Il vescovo chef unisce con il riso montagna e pianura

di Gianfranco Quaglia Recita un antico adagio cinese: «Mangia il tuo riso, al resto penserà il cielo». Rima San Giuseppe, il paese Walser in alta Valsesia. Qui a Sua Maestà il Riso e a tutto il resto pensa e provvede il vescovo della diocesi di Novara, Franco Giulio Brambilla, che ogni estate non viene meno […]

Quel «generico» formaggio chiamato «Gohr-Gohn-zoh’-lah»

di Gianfranco Quaglia E’ scontro Europa-Usa sui prodotti Dop, le Denominazioni d’origine protette. L’Italia e l’Ue chiedono di estendere la tutela e il riconoscimento anche al di fuori dei confini nazionali, Washington al contrario ribatte proponendo un freno. Anzi, pretende che ad alcuni nomi come Parmesan, Asiago, Gorgonzola, sia riconosciuta la genericità. Come dire: libertà […]

Ribolle il latte per uno “spread” di pochi centesimi

di Gianfranco Quaglia Il latte ribolle nel cuore di questa estate in chiaroscuro. La scintilla, scoccata già in primavera, ha dato fuoco alla contrapposizione agricoltori-industriali, ingaggiando una battaglia che si trascinava ormai da mesi. I primi sostengono che il prezzo alla stalla proposto dagli altri sia troppo basso, iniquo rispetto ai costi di produzione. Gli […]

Ritorno alla terra ma fare impresa è un altro film

di Gianfranco Quaglia La cantasse oggi, dopo 48 anni, forse modificherebbe il testo di quel «Ragazzo della via Gluck». Adriano Celentano nel 1966 non avrebbe immaginato che là dove c’era l’erba è tornato un po’ di verde, sui tetti e sui balconi della sua Milano maturano zucchine, pomodori, fioriscono i cespi d’insalata. In Piazza Castello […]

Un paniere del Quadrante che guarda oltre il Ticino

di Gianfranco Quaglia Un tempo si pronunciava quadrilatero: Vercelli-Casale-Alessandria-Novara. Oggi si chiama «Quadrante» e non ha nulla da spartire con i tempi epici del calcio di provincia. E’ tutt’altra cosa e tende a unificare (non solo idealmente) i vertici di quattro capoluoghi: Novara-Vercelli-Biella-Verbania. In altre parole il Piemonte Nord-orientale, territorio ricco da vendere e da […]

Renzo Franzo, classe 1914, presente

di Gianfranco Quaglia C’era anche lui, Renzo Franzo, classe 1914, cent’anni come l’anniversario dello scoppio della Grande Guerra. Un’icona dell’agricoltura italiana, la voce del riso per eccellenza. Voleva esserci e si è mischiato con centinaia di coltivatori diretti in Piazza Castello, a Torino, dove è andata in scena la protesta contro l’import del riso asiatico […]

In Cina il riso crea squadra In Italia divide

di Gianfranco Quaglia Uno studio realizzato dall’Università della Virginia sulle differenze culturali tra le popolazioni della Cina del Nord e quelle del Sud è arrivato a queste conclusioni: chi abita nella parte settentrionale è più socievole in quanto coltiva riso, a differenza dei contadini meridionali che si dedicano al frumento. La <Teoria del riso>, così […]

Mulini bianchi e mondine. L’agricoltura che non c’è

di Gianfranco Quaglia Esiste un’agricoltura dei mulini bianchi, delle mondine ritornate in risaia, della risaia sitibonda anche quando l’acqua scorre a fiumi. E’ l’agricoltura che non c’è, descritta per compiacere gli amanti degli stereotipi e che fa «trendy». Una tendenza al ribasso, che deprime, falsa il settore primario e l’informazione. L’estate, come ogni estate, è […]

Il Central Park made in Italy

di Gianfranco Quaglia Un Central Park di casa nostra, più esteso di quello newyorkese, attivo e misconosciuto. Esiste già, ha un’estensione di 150 chilometri e ne misura 80 in larghezza. Andrea Rolando, docente al Politecnico di Milano, lo ha ampiamente individuato: rappresenta un’altra potenzialità piemontese dopo l’inserimento di Langhe-Roero-Monferrato nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità. […]