La goccia d’acqua che fa la differenza

di Gianfranco Quaglia

Aretè nel greco antico significa virtù, eccellenza, tutto ciò che rende la vita umana degna di essere vissuta, ricca di significato ed esempio per gli altri. A questi concetti si ispira il progetto “Aretè-acqua in rete”, cofinanziato da Fondazione Cariplo, guidato dal Parco Lombardo Valle Ticino con una serie di partner tra cui l’Associazione Irrigazione […]

Il mondo gira attorno all’ape

di Gianfranco Quaglia

L’episodio è di un mese fa e soltanto in quel momento l’attenzione del mondo, oltre a essere attratta dal disastroso incendio che devastò la cattedrale di Notre-Dame a Parigi, fu colpita dalla notizia che le migliaia di api abitatrici di quell’edificio erano sopravvissute. Allora tutti pensarono all’importanza e al ruolo svolto da quegli insetti, e […]

Dalla zappa al drone ma l’agricoltura 4.0 fatica a farsi strada

di Gianfranco Quaglia

Dalla zappa al drone, dalla guida del trattore a vista a quella telecomandata dal satellite. Un salto di qualità e di generazione, ma nei campi fatica ancora ad affermarsi. La digitalizzazione nell’agricoltura italiana è ferma al 22%. Lo dice uno studio di Nomisma sul territorio nazionale, con l’obiettivo di focalizzare gli aspetti che ancora limitano […]

La clausola fa bene al riso La chiedono anche i produttori di arance

di Gianfranco Quaglia

La clausola di salvaguardia conquistata per bloccare le importazioni di riso da Cambogia e Myanmar a dazio zero sta producendo i suoi primi effetti. E può diventare un traguardo per altri settori agricoli italiani che guardano con interesse all’azione intrapresa dal mondo risicolo.  Andiamo per ordine. L’Ente Nazionale Risi ha reso noto che le importazioni […]

Le api di Notre-Dame ci mandano un avviso Meglio la città dei campi

di Gianfranco Quaglia

Les abeilles de Notre-Dame sopravvissute al devastante incendio sono diventate il simbolo della resistenza e della resilienza. Quelle api, si dice 200 mila, di proprietà di uno degli apicoltori più noti di Francia, monsieur Nicolas Géant, restituiscono all’umanità tutta, colpita dall’emozione, bricioli di speranza e forza. Gèant ha cominciato a produrre miele sul tetto di […]

Leonardo in cucina? Darebbe filo da torcere agli chef stellati

di Gianfranco Quaglia

Vegetariano secondo alcuni biografi. Cultore di cibi semplici e raffinati, per altri. Sicuramente un genio, anche in cucina. Leonardo da Vinci, di cui si celebra il 500° della morte, ebbe un’attenzione scientifica straordinaria per tutto ciò che riguardava il cibo e non a caso Ludovico il Moro lo chiamò a Corte per affidargli, tra gli […]

I millennials scoprono il gusto e la narrazione del bicchiere di qualità

di Gianfranco Quaglia

Napoli ama il rosso, Roma il bianco. Lo sparkling, cioè le bollicine, fa impazzire Milano. Tre tipologie che disegnano i gusti degli italiani per il vino, suddividendo la penisola in tre aree di preferenza. E’ quanto emerge dall’indagine “Mercato in Italia, gli italiani e il vino” realizzato da Vinitaly con l’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor e […]

E’ tempo che la risaia entri nell’Olimpo Unesco

di Gianfranco Quaglia

E’ tempo di risaia, non solo perché s’inizia la nuova stagione, avara di acqua. Ma è tempo di uscire allo scoperto, rompere gli indugi e avere il coraggio di gettarsi in un’avventura che in Piemonte non è nuova: il riconoscimento a Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. E’ avvenuto, con successo, per Langhe-Roero-Monferrato. Dalla risaia più voci chiedono […]

Il “colpo di testa” di Enrico: la cantina dove c’era il bosco

di Gianfranco Quaglia

Enrico la definisce “una pazzia”. Ma quel “colpo di testa” sulle colline di Mezzomerico (provincia di Novara) è diventato la sua quotidianità, immersa nei vigneti, nella cantina ricavata sotto una struttura tutta in legno di larice, color miele, più simile a un palasport che a un’azienda vitivinicola. Enrico Crola, consulente informatico con alle spalle un’intensa […]

“Ospiti” indesiderati nel riso che bussa alle porte dell’UE

di Gianfranco Quaglia

Ogm, aflatossine, micotossine, principi attivi non autorizzati, residui di metalli, arsenico, insetti, acari. Ancora: certificati irregolari o etichettature insufficienti. Questo scenario da brividi riguarda il riso che bussa all’Europa, proveniente dall’Estremo Oriente e Sudest asiatico. Non tutto, per fortuna, ma tanto basta per preoccupare e legittimare la giusta rivendicazione dei risicoltori italiani che invocano il […]